Al via il primo seminario di E-Lex e Fabrique du Cinéma

Al via a Roma il primo seminario Fabrique du Cinéma dedicato ad attori, autori e produttori per districarsi nella giungla dei contratti cinematografici, a cura di E-Lex. Special guest:Francesca Valtorta

La firma del primo contratto per tanti giovani autori, attori e persino produttori è un momento estremamente delicato: tante sono le incognite e districarsi tra postille, cavilli e rescissioni a volte può rivelarsi un’impresa ardua. Non è una coincidenza che numerosi personaggi del mondo dello spettacolo si affidino a professionisti del settore per la tutela del loro lavoro e della loro immagine.

Indubbiamente per un artista alle prime armi una tale consulenza può risultare troppo onerosa, ed è per questo che Fabrique du Cinéma ha organizzato il primo seminario gratuito su Cinema e Contratti in collaborazione con i legali dello studio E-Lex.

Tenuto dall’avvocato Giovanni Maria Riccio, il convegno verterà su alcuni temi-cardine quando si parla di accordi legali: le clausole di esclusiva, i diritti di immagine, di opzione e di prelazione, il pay-or-play e il right of first refusal, il deposito e la tutela dal plagio e tanto altro.

L’incontro si terrà venerdì 3 marzo 2017 alle ore 17.30 presso la sede di E-Lex di via dei Barbieri 6 a Roma, e avrà come ospite speciale Francesca Valtorta (Baciami ancora, Immaturi-il viaggio, Braccialetti rossi, Squadra antimafia).

Al termine del seminario è previsto un buffet a cura di Alchimia Foodlab.

P.A. Digitale Channel: a febbraio riprendono gli incontri di formazione

Continuano gli incontri di formazione di P.A. Digitale Channel.

Che cos’è PA Digitale CHANNEL?
E’ il nuovo canale di formazione on line dedicato alla digitalizzazione della Pubblica Amministrazione.
11 video conferenze in diretta all’anno – con cadenza mensile e della durata di un’ora circa – in occasione delle quali l’Avv. Ernesto Belisario illustrerà le principali novità in tema di:
– dematerializzazione degli archivi
– comunicazioni telematiche
– servizi on-line
– sicurezza informatica.
Le video-conferenze, di taglio fortemente operativo, evidenzieranno anche gli adempimenti (e relative scadenze) a carico delle Amministrazioni.
L’obiettivo è quello di supportare gli Enti nel processo di adeguamento giuridico, tecnologico e organizzativo, per garantire la legittimità degli atti e procedimenti e, conseguentemente, evitare azioni di responsabilità.

Prossimo appuntamento: 13 febbraio 2017.

Qui maggiori informazioni sui corsi.

Garanti UE: approvate Linee Guida per l’attuazione del nuovo Regolamento Privacy

Come molti già sapranno, il nuovo Regolamento Privacy (Regolamento UE 2016/679), pubblicato lo scorso 4 maggio ed entrato in vigore il 24 dello stesso mese, sarà definitivamente applicabile in via diretta in tutti i Paesi UE a partire dal 25 maggio 2018.

Quello che ancora in pochi sanno è, tuttavia, che per la sua completa attuazione sarà richiesta e si renderà necessaria la collaborazione degli Stati Membri, che dovranno, a tal fine, seguire quanto indicato dal Gruppo dei Garanti UE (WP 29) nei propri provvedimenti.

Un primo passo in tal senso si è avuto lo scorso 13 dicembre, giorno nel quale sono state approvate, dal Gruppo dei Garanti Ue (WP 29), una serie di Linee Guida relative ad alcune delle principali novità introdotte con il nuovo Regolamento Privacy.

I documenti, al momento disponibili solo in lingua inglese, si concentrano principalmente su tre profili: il Data Protection Officer, il diritto alla portabilità dei dati, i criteri per l’individuazione dell’Autorità Capofila.

1. Il Data Protection Officer o Responsabile del trattamento è una figura prevista dal Regolamento Privacy all’art. 37.
In particolare al DPO compete: fornire consulenza al titolare o al responsabile sugli obblighi derivanti dalla normativa; sorvegliare l’osservanza dell’applicazione del regolamento; cooperare con le autorità di controllo.
È opportuno evidenziare in tale sede come la sua nomina sarà obbligatoria per tutti i soggetti pubblici e solo per alcuni soggetti privati e dovrà possedere una serie di competenze tecniche e professionali, nonché godere di indipendenza ed inamovibilità nell’ambito dell’organizzazione gestita dal titolare del trattamento, secondo quanto indicato nel documento promosso dal WP 29.

2. Sicuramente, il diritto alla portabilità dei dati è una delle novità maggiormente apprezzate del nuovo Regolamento europeo. Consiste, essenzialmente, nel diritto dell’interessato sia di poter ricevere in formato strutturato, comune e leggibile i dati da lui forniti ad un titolare del trattamento, sia di poter agevolmente trasferire i dati da lui forniti, da un titolare del trattamento ad un altro. Considerando l’era digitale nella quale viviamo e che i social network e la posta elettronica rappresentino strumenti indispensabili nella vita privata e lavorativa di ciascuno di noi, è chiaro che questa novità rappresenti sicuramente un profilo innovativo e rilevante che incarna l’essenza della libertà di scelta dell’utente rispetto ai servizi offerti sul mercato dai diversi operatori. Le linee guida promosse dal Gruppo dei Garanti tendono ad evidenziare tale assunto.

3. Da ultimo, ma non per importanza, il Gruppo dei Garanti Ue si è anche espresso con un separato documento sui criteri da dover seguire per la corretta individuazione dell’Autorità Capofila nel caso in cui trattamenti siano transnazionali e coinvolgano la competenza di più Autorità nazionali di Controllo.

È innegabile che quanto approvato pochi giorni fa, dal Gruppo dei Garanti Ue, rappresenti solo un primo passo, seppur apprezzabile, nel lungo percorso che potrà ritenersi effettivamente concluso, forse, nel 2018.

La complessità dell’opera di riforma, rispetto alla quale molti degli operatori presenti sul mercato dovranno quotidianamente ed attentamente interfacciarsi, per evitare di incorrere nelle pesanti sanzioni milionarie previste dal nuovo Regolamento, appare dunque sempre più chiara.

Lo Studio E-Lex, grazie all’esperienza maturata, assiste e supporta pubbliche amministrazioni e privati nel processo di adeguamento alla normativa europea. Per maggiori informazioni e contatti, clicca qui.