Al via il primo seminario di E-Lex e Fabrique du Cinéma

Al via a Roma il primo seminario Fabrique du Cinéma dedicato ad attori, autori e produttori per districarsi nella giungla dei contratti cinematografici, a cura di E-Lex. Special guest:Francesca Valtorta

La firma del primo contratto per tanti giovani autori, attori e persino produttori è un momento estremamente delicato: tante sono le incognite e districarsi tra postille, cavilli e rescissioni a volte può rivelarsi un’impresa ardua. Non è una coincidenza che numerosi personaggi del mondo dello spettacolo si affidino a professionisti del settore per la tutela del loro lavoro e della loro immagine.

Indubbiamente per un artista alle prime armi una tale consulenza può risultare troppo onerosa, ed è per questo che Fabrique du Cinéma ha organizzato il primo seminario gratuito su Cinema e Contratti in collaborazione con i legali dello studio E-Lex.

Tenuto dall’avvocato Giovanni Maria Riccio, il convegno verterà su alcuni temi-cardine quando si parla di accordi legali: le clausole di esclusiva, i diritti di immagine, di opzione e di prelazione, il pay-or-play e il right of first refusal, il deposito e la tutela dal plagio e tanto altro.

L’incontro si terrà venerdì 3 marzo 2017 alle ore 17.30 presso la sede di E-Lex di via dei Barbieri 6 a Roma, e avrà come ospite speciale Francesca Valtorta (Baciami ancora, Immaturi-il viaggio, Braccialetti rossi, Squadra antimafia).

Al termine del seminario è previsto un buffet a cura di Alchimia Foodlab.

Start up e diritto: cosa bisogna sapere?

In questo video, pubblicato da SMAU Academy, Giovanni Maria Riccio, socio dello studio e-Lex spiega i principi giuridici della start-up.

 

Corte di Giustizia e opere fuori commercio

La sentenza della Corte di Giustizia sulle opere fuori commercio (causa C‑301/15, Soulier e Doke) è senza dubbio destinata ad avere un impatto significativo e non solo sull’ordinamento francese, direttamente investito dal caso.

Il Conseil d’État, con decisione del 6 maggio 2015, ha rimesso alla Corte di Giustizia la domanda di pronuncia pregiudiziale sull’interpretazione degli artt. 2 e 5 della direttiva 2001/29/CE (direttiva c.d. InfoSoc) in relazione al Decreto n. 2013-182, del 27 febbraio 2013, recante applicazione degli articoli da L. 134-1 a L. 134-9 del Codice della proprietà intellettuale. Gli articoli in questione, introdotti in Francia dalla Legge del 1 marzo 2012 sullo sfruttamento digitale dei libri non disponibili del XX secolo, prevedevano la possibilità della digitalizzazione di massa per le opere letterarie fuori commercio e pubblicate prima del 2001.

La legge francese prevede che le collecting society rappresentative possano autorizzare le biblioteche a digitalizzare tali opere e a metterle a disposizione del pubblico per mezzo di una banca dati pubblica. È appena il caso di ricordare che tali opere, pur essendo fuori commercio, sono ancora coperte da diritti d’autore: la legge, quindi, in caso di disaccordo, riconosce all’autore o all’editore, in caso di disaccordo, la facoltà di notificare alla collecting society la propria volontà di escludere dalla banca dati anzidetta le opere di cui detengono i diritti. Tale comunicazione deve avvenire entro sei mesi dall’inserimento dell’opera nella predetta banca dati.

Il quesito affrontato dalla Corte di Giustizia è essenzialmente questo: una legge che consenta alle collecting society la facoltà di autorizzare la riproduzione e la comunicazione al pubblico delle opere è in contrasto con gli artt. 2 e 5 della direttiva InfoSoc, che concedono invece detta facoltà agli autori e non agli organismi che gestiscono collettivamente i loro diritti?

La risposta della Corte, in linea con l’opinione dell’Avvocato Generale del luglio scorso, è affermativa. È necessario, quindi, il consenso del titolare del diritto (autore o editore) per l’inserimento dell’opera nella banca dati.

Continua qui.

IVA sulle traduzioni letterarie: il chiarimento dell’Agenzia delle Entrate

L’Agenzia delle entrate, con provvedimento del 20 luglio scorso – pronunciato nell’ambito di un procedimento di opposizione – ha chiarito un aspetto controverso relativo al pagamento dell’IVA in caso di contratti aventi ad oggetto la cessione dei diritti d’autore.

Nel caso sottoposto all’attenzione dell’Agenzia delle entrate, il quesito verteva sull’applicabilità dell’art. 3, comma 4, lett. a) del D.P.R. n. 633/1972 ai traduttori. La norma citata stabilisce che non sono da considerarsi prestazioni di servizi soggette a IVA “cessioni, concessioni, licenze e simili relative a diritti d’autore effettuate dagli autori e loro eredi o legatari”.

La soluzione a tale problematica passa per il corretto inquadramento professionale dell’attività di traduzione. Sul punto, occorre osservare che i traduttori editoriali, così come gli altri traduttori (es. i cc.dd. traduttori tecnici), non sono annoverabili tra i liberi professionisti e la loro attività non rientra nel regime del rapporto di lavoro autonomo (ex artt. 2222-2238 cod. civ.); al contrario, i traduttori sono da considerarsi autori, la cui attività è regolata dalla Legge n. 633/1941 sul diritto d’autore e, in particolare, dall’art. 4 della legge stessa, che testualmente afferma che

Senza pregiudizio dei diritti esistenti sull’opera originaria, sono altresì protette le elaborazioni di carattere creativo dell’opera stessa, quali le traduzioni in altra lingua, le trasformazioni da una all’altra forma letteraria od artistica, le modificazioni ed aggiunte che costituiscono un rifacimento sostanziale dell’opera originaria, gli adattamenti, le riduzioni, i compendi, le variazioni non costituenti opera originale”. Il successivo art. 7 della l.d.a. prosegue ribadendo che “è considerato autore delle elaborazioni l’elaboratore, nei limiti del suo lavoro”.

È appena il caso di ricordare, poi, che oltre dalla normativa italiana, la natura autoriale dell’attività dei traduttori è riconosciuta, a livello internazionale, a partire dalla “Convenzione di Berna per la protezione delle opere letterarie e artistiche” in vigore sin dal 1886 (di cui l’Italia è stata tra i primi firmatari). L’art. 2 di tale Convenzione recita:

“Si proteggono come opere originali, senza pregiudizio dei diritti dell’autore dell’opera originale, le traduzioni, gli adattamenti, le riduzioni musicali e le altre trasformazioni di un’opera letteraria o artistica”.

Il carattere creativo delle traduzioni editoriali è però sancito non solo dalla lettera della legge, ma altresì dalla giurisprudenza la quale ritiene, in maniera pressoché unanime, che, in particolare, le traduzioni in altra lingua, sono tutelate dal diritto d’autore, in quanto tale attività, lungi dall’essere un mero esercizio meccanico di sovrapposizione delle parole tradotte dall’uno all’altro idioma, consiste, in realtà, in un lavoro inventivo e creativo di notevole sforzo intellettuale da parte del traduttore che deve interpretare l’opera originaria e operare una scelta tra le parole e le frasi che meglio corrispondono a quelle usate nel testo originario in modo tale da attribuirgli il senso più conforme e fedele a quello voluto dall’autore originale (cfr., ex ceteris, Trib. Torino, 24.7.1995, ma v. anche App. Roma, 01.6.2009).

L’appartenenza delle traduzioni nel novero delle opere protette dal diritto d’autore viene specificata, inoltre, dalla Circolare Ministeriale n. 147/E del 10 giugno 1998 del Ministero di Economia e Finanza in cui si afferma che

“le traduzioni di opere dell’ingegno rientrano, in quanto tali, tra le opere protette dalla Legge sul diritto d’autore, senza pregiudizio dei diritti esistenti sull’opera originaria, in quanto trattasi di un’elaborazione di carattere creativo dell’opera originaria”.

La medesima Circolare precisa poi che

“le traduzioni di testi diversi da quelli letterari ed artistici, anche di testi o documenti di natura commerciale, come pure quelle di interpretariato, hanno contenuto intellettivo simile a quello delle traduzioni di opere oggetto del diritto d’autore, in quanto, come detto, realizzano comunque un prodotto di elaborazione linguistico e possono considerarsi rientranti tra le operazioni similari di cui all’art. 3 del D.P.R 633/1972”.

Alla luce di tale ricostruzione, non può che essere salutato con estremo favore l’intervento chiarificatore dell’Agenzia delle entrate che, risolvendo un punto che era (invero stranamente, considerando il quadro legislativo) controverso, ha finalmente decretato che, ai corrispettivi previsti contrattualmente per la cessione dei diritti d’autore, non possa essere applicata l’IVA.

Per la lettura dell’intero articolo si rimanda al link: http://www.marchiebrevettiweb.it/angolo-del-professionista/7032-cessione-dei-diritti-d-autore-dei-traduttori-e-assoggettamento-ad-iva-l-agenzia-delle-entrate-fa-finalmente-chiarezza.html

 

La quarta rivoluzione industriale: tra opportunità e sfide

 

immagine articolo riutilizzabile

Il 15 giugno 2016, nell’ambito dell’indagine conoscitiva, Industria 4.0: quale modello applicare al tessuto industriale italiano, strumenti per favorire la digitalizzazione delle filiere industriali nazionali, presso la Commissione Attività produttive della Camera dei Deputati, si è tenuta l’audizione del Ministro dello Sviluppo Economico, Carlo Calenda.

L’inarrestabile progresso tecnologico, accompagnato dalla crescente connessione tra i calcolatori, l’utilizzo massivo di dati e informazioni, di tecnologie con sempre maggiori capacità di calcolo e di nuovi sistemi intelligenti digitalizzati e interconnessi (internet of things and machines), ci rende testimoni e partecipi di quella che è stata definita la quarta rivoluzione industriale. Non solo il settore manifatturiero, ma i più svariati settori di attività, dalla agricoltura all’energia, dal turismo alla moda, dalla sanità ai trasporti, saranno coinvolti dalla nuova Industria. Come si è avuto modo di evidenziare, non si tratterà di innovazione esclusivamente tecnologica, ma in un’ottica di più ampie vedute, verranno creati nuovi modelli organizzativi e di approccio ai mercati.

Il Ministro ha sottolineato infatti come, se da un lato la digitalizzazione dei processi produttivi globalmente intesi e in particolare di quello manifatturiero costituisca di certo una grande opportunità per la nostra industria, allo stesso tempo non può negarsi come davanti

a mutamenti cosi profondi, o si è protagonisti, oppure se ne viene travolti” ed è per tale ragione che parlare di Industria 4.0 “significa mettere a sistema amplificandole e integrandole, una serie di misure e linee politiche che questo Governo ha identificato come qualificanti: la promozione e il sostegno alle imprese che innovano, che si internazionalizzano, che trovano nella flessibilità e nella reattività la propria cifra produttiva.”

Numerosi appaiano i vantaggi connessi all’Industria 4.0:

l’analisi e l’elaborazione della grande quantità dei dati in possesso delle singole imprese (Big data) consentono infatti di assumere decisioni ponderate e migliori sulla produzione e sui consumi; la robotica e l’intelligenza artificiale consentono poi di ridurre, non solo i costi ed i tempi, ma anche gli errori a vantaggio della sicurezza e della produttività dell’azienda; la connettività spinta, l’internet of things, consente persino di anticipare i gusti dei clienti favorendo la produzione in scala; gli stessi social media è innegabile come consentano un nuovo modello di interazione con il consumatore definendo nuovi servizi (es. pay by use).

Il Ministro ha poi evidenziato come, attraverso “l’Internet delle cose e delle macchine” e lo sviluppo dell’Industria 4.0 “sarà possibile gestire reti globali che incorporano e integrano macchinari, sistemi di logistica e strutture produttive, sotto forma di Cyber Physical System for Production”.

Nell’ottica di aumentare sia la consapevolezza delle aziende che la digitalizzazione non è identificabile solo come modo per incrementare l’efficienza dei processi, ma che i dati potenzialmente a loro disposizione e che di rado vengono raccolti, organizzati ed elaborati per estrarne valore, costituiscono il vero vantaggio competitivo delle stesse; di consentire l’interoperabilità dei sistemi e dei linguaggi che governano l’industria 4.0 adottando regole comuni di livello internazionale per creare piattaforme di condivisione delle informazioni; di implementare la solidità e la diffusione di reti di interconnessione a banda ultra larga, reti satellitari e diffusione del 5 g, condizione questa imprescindibile per il successo della trasformazione di innovare le relazioni industriali, definendo anche un adeguato trattamento fiscale che porti le imprese a ricorrere sempre di più alle opportunità offerte dal salario di produttività e promuovendo lo skill empowerment dei lavoratori con riferimento alle discipline STEM (science, technology, engineering and math), il Governo, secondo quanto riportato nell’audizione dal Ministro Calenda, ha individuato un pacchetto di misure da inserire nella prossima Legge di stabilità, che verte essenzialmente su cinque punti di azione:
1 – Investimenti in Innovazione – per il Ministro, occorre promuovere gli investimenti innovativi in una logica solution driven, portando le aziende ad investire nell’analitica dei Big data e nelle informazioni che producono. Il gap di investimenti stimato e in circa 8 miliardi annui per i prossimi 5 anni. Sarà anche necessario favorire lo sviluppo di startup, l’accesso al venture capital e la collaborazione tra le nuove e le consolidate realtà imprenditoriali;
2 – Fattori abilitanti – obiettivo primario sarà potenziare le infrastrutture di connettività non solo a favore dei cittadini o consumatori, ma delle stesse imprese; bisognerà poi ridurre il digital divide delle PMI; e investire nelle competenze STEM (science, technology, engineering and math)
3 – Standard di interoperabilità, sicurezza e comunicazione IoT– il Ministro ha evidenziato come imprescindibile e vitale sarà partecipare e indirizzare le decisioni nei tavoli di confronto internazionale, alla luce di quello che è il contesto italiano, in un’ottica di adozione di standards che siano sì aperti, ma guidati da quelli che sono i bisogni industriali
4 – Rapporti di lavoro, salario e produttività – nell’ottica di una maggiore autonomia e responsabilizzazione del lavoratore andranno poi riviste le regole che concernano i rapporti di lavoro. Le stesse relazioni industriali dovranno essere decentrate così da dar risalto alle abilità e competenze del lavoratore (empowerment)
5 – Finanza di impresa – il Ministro, alla luce delle difficoltà del settore creditizio, ha evidenziato come sia preminente la necessita di costruire una finanza d’impresa che sia capace di sostenere lo sforzo di investimenti, canalizzando anche il risparmio nazionale verso gli impieghi nell’economia reale.
Da quanto riportato è evidente che il progresso anche tecnologico seppur presenti numerose sfide, porta con sé un’innegabile opportunità di sviluppo per la nostra realtà economica – industriale.
Come testimonia l’esperienza che lo Studio Legale E-lex ha acquisito negli anni, nell’ottica del Diritto delle Nuove Tecnologie, Industria 4.0 vuol dire anche, ed in particolare per le Imprese e le Pubbliche Amministrazioni, porre l’attenzione su tematiche legali concernenti la Privacy, la Proprietà industriale, la Proprietà intellettuale, materie di per sé dinamiche e che implicano necessariamente un costante aggiornamento da parte di tutti i soggetti che operano nella nuova realtà economica.

AGCM: il monopolio SIAE è inattuale, il Parlamento ci ripensi

“L’Autorità rileva che in un contesto economico caratterizzato da profondi cambiamenti tecnologici la mancata apertura del mercato nazionale della gestione dei diritti limita la libertà d’iniziativa economica degli operatori e la libertà di scelta degli utilizzatori. Il mantenimento del monopolio legale appare, infatti, in contrasto con l’obiettivo di rendere effettiva la libertà dei titolari del diritto di effettuare una scelta tra una pluralità di operatori in grado di competere con l’incumbent senza discriminazioni.
Il regime di riserva delineato dall’articolo 180 LDA, peraltro, esclude la possibilità per organismi alternativi alla SIAE di operare in ambito nazionale, costringendoli a stabilirsi presso altri Stati membri per sfruttare le opportunità offerte dalla Direttiva in parola”.

È quanto ha affermato l’Autorità Garante per la Concorrenza ed il Mercato, in un parere reso e consegnato al Presidente del Senato, al Presidente della Camera dei Deputati e al Presidente del Consiglio dei Ministri sulla gestione collettiva dei diritti d’autore e dei diritti connessi e sulla concessione di licenze multiterritoriali per i diritti su opere musicali per l’uso online nel mercato interno.

In poche parole, sul famigerato “monopolio” della SIAE e sull’imminente recepimento della Direttiva Barnier, la normativa comunitaria che si occupa delle società di gestione collettiva del diritto d’autore. Un tema di cui si sta discutendo molto nelle ultime settimane, sia per lo “schiaffo” prima di Fedez e poi di Gigi D’Alessio, che hanno abbandonato la monopolista italiana per approdare ad una collecting society inglese, sia, appunto, per l’imminente recepimento della direttiva comunitaria.

Direttiva che dovrebbe essere trasposta nell’ordinamento italiano con la legge delega per il recepimento delle direttive europee del 2015: al momento, il disegno di legge è stato approvato dalla Camera, è in corso di esame in Commissione Cultura al Senato e dovrà poi essere approvato da quest’ultimo. Però, di abolizione del monopolio non se ne parla. Molti parlamentari, appartenenti a contrapposti schieramenti politici, stanno provando a formulare proposte alternative, finalizzate al ripensamento dell’assetto legislativo e ad una radicale riforma di una società che, a troppi e da troppo tempo, appare inefficiente e poco trasparente.

Le conclusioni cui perviene l’Autorità Antitrust sono assolutamente condivisibili e superano la discussione tra difensori del monopolio e antimonopolisti, fotografando correttamente la situazione attuale.

La direttiva – ma già la decisione CISAC della Commissione europea – consentono a società straniere di operare in Italia nel mercato della gestione collettiva del diritto d’autore. Ciò significa che l’unico effetto del diritto di esclusiva – comunemente, ma impropriamente qualificato monopolio – consiste nell’impedire a società italiane di operare in un mercato in cui, invece, sono già attive società straniere. In altri termini, quello che l’Antitrust – tra le altre cose – rimarca è che se un soggetto italiano vuole intermediare i diritti d’autore deve necessariamente stabilirsi all’estero, con un danno evidente per l’economia nazionale.

Un paradosso di cui è stato lungamente scritto nell’oramai lontano 2012, quando la direttiva Barnier era ancora in discussione, e che aveva indotto in tanti a ritenere l’art. 180 della legge sul diritto d’autore, nei fatti, già superato.

La speranza, adesso, è che il Parlamento faccia proprio il monito dell’AGCM. La strada è stata chiaramente indicata: diversamente, perseverando in un’ostinata difesa dell’attuale assetto legislativo, si corre il rischio di rinviare un problema che necessita, obiettivamente, di altra soluzione.

DISCLAIMER
Per  trasparenza si avvertono i lettori che lo Studio E-Lex assiste una società concorrente della SIAE.

TAGS:

X Rapporto Civita “#Socialmuseums. Social media e cultura fra post e tweet”

Mercoledì 30 marzo alle ore 9.30 presso l’Auditorium dell’Ara Pacis di Roma, l’Associazione Civita presenta il suo decimo Rapporto, dal titolo “#SOCIALMUSEUMS. Social media e cultura fra post e tweet”, alla presenza del Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo Dario Franceschini.Curato da Luca De Biase, fondatore e caporedattore di Nòva, e Pietro Antonio Valentino, Vicepresidente del Comitato Scientifico di Civita, ed edito da Silvana Editoriale, il volume prende in esame il rapporto fra social media e mondo della cultura, un tema strategico in un momento di profonda trasformazione che sta investendo i nostri musei anche sul fronte del digitale. (altro…)

Alta Tecnologia per i Beni Culturali

Giovanni Maria Riccio terrà un corso all’interno dei progetti SNECS (Social Network delle entità dei centri storici) e CHIS (Cultural Heritage Information System) organizzati dal Distretto ad Alta Tecnologia per i Beni Culturali. Il corso, partendo dai concetti di base di legislazione dei beni culturali, affronterà i temi della valorizzazione dei beni culturali, anche per mezzo dei social network e di altre piattaforme informatiche.

SMAU / Startup e diritto: cosa bisogna sapere?

Venerdì mattina alle ore 10, presso lo SMAU di Padova, il prof. Riccio terrà una relazione su “Startup e diritto: cosa bisogna sapere?”.

L’avvio di startup pone una serie di tematiche giuridiche che devono essere affrontate in modo adeguato per definire le scelte strategiche ed impostare le corrette metodologie operative e commerciali. (altro…)

Udienza in Corte di Giustizia per l’equo compenso

Si è tenuta ieri, presso la Corte di Giustizia, l’udienza della controversia Nokia Italia and Others (Case C-110/15) relativa alla conformità al diritto comunitario della legislazione italiana in materia di equo compenso. Nel procedimento in questione, E-Lex ha assistito un’importante associazione di consumatori, che rivendica l’eccessività delle tariffe – almeno rispetto al passato e rispetto a quelle previste in altri Paesi europei – per la c.d. copia privata effettuata attraverso smartphone, tablet, PC, pennette USB ed altri analoghi dispositivi e supporti.

YouTube non è responsabile per le violazioni del copyright dei suoi utenti

Il Tribunale di Monaco ha stabilito che YouTube non è responsabile per le violazioni del copyright commesse dai propri utenti. La società americana era stata citata in giudizio dalla GEMA, società di gestione collettiva dei diritti d’autore, la quale aveva osservato che YouTube otterrebbe enormi benefici economici dallo sfruttamento dei video caricati dagli utilizzatori della piattaforma.

Le dichiarazioni rese dalla GEMA all’indomani della decisione sono disponibili qui.

Novità sui marchi comunitari

La Direttiva (UE) 2015/2436 del 16 dicembre 2015 sul ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri in materia di marchi d’impresa, e il Regolamento (UE) 2015/2424 del 16 dicembre 2015 recante modifica del regolamento (CE) n. 207/2009 del Consiglio sul marchio comunitario, che modifica il regolamento (CE) n. 2868/95 della Commissione, recante modalità di esecuzione del regolamento (CE) n. 40/94 del Consiglio sul marchio comunitario, e che abroga il regolamento (CE) n. 2869/95 della Commissione relativo alle tasse da pagare all’Ufficio per l’armonizzazione del mercato interno (marchi, disegni e modelli), sono stati pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione europea rispettivamente il 23 e il 24 dicembre.
Innanzi tutto, due modifiche terminologiche, che sostituiscono quelle di cui al Regolamento (CE) n. 207/2009: l’UAMI prenderà il nome di Ufficio dell’Unione europea per la proprietà intellettuale (EUIPO) e il marchio comunitario, invece, sarà denominato marchio dell’Unione europea.
La nuova direttiva trova applicazione a tutti i marchi d’impresa relativi a prodotti o servizi che formano oggetto di una registrazione o di una domanda di registrazione come marchi d’impresa individuali, marchi di garanzia o di certifi¬cazione, ovvero marchi collettivi in uno Stato membro o presso l’ufficio Benelux per la proprietà intellettuale o che sono oggetto di una registrazione internazionale che produce effetti in uno Stato membro.
Le tasse da pagare all’EUIPO al momento di deposito saranno ridotte, dal momento che si pagherà una fee per singola classe merceologica, anziché una tassa che copra sino a tre distinte classi. Le tasse dovute in caso di rinnovazione del marchio, invece, saranno aggiornate automaticamente a far data dal 23 marzo 2016.
Il termine del recepimento è fissato al 14 gennaio 2019, anche se alcune disposizioni dovranno essere recepite solo entro il 14 gennaio 2023 (in particolare, l’art. 45, relativo alla procedura per la decadenza o la dichiarazione di nullità).
Fumata grigia, invece, per i segreti commerciali. Il 15 dicembre scorso, la presidenza lussemburghese ha siglato un accordo provvisorio con i rappresentanti del Parlamento europeo su norme comuni in materia di protezione dei segreti commerciali e delle informazioni riservate delle imprese dell’UE. Le diverse regole nazionali, infatti, si frappongono alla realizzazione degli obiettivi del mercato interno, come ha affermato Etienne Schneider, vice primo ministro e ministro dell’economia del Lussemburgo: “Al giorno d’oggi esiste una grande varietà di sistemi e di definizioni negli Stati membri per quanto riguarda il trattamento e la protezione dei segreti commerciali. Questo nuovo strumento apporterà chiarezza giuridica e garantirà condizioni di parità a tutte le imprese europee. Contribuirà inoltre ad accrescere il loro interesse nei confronti dello sviluppo di attività di ricerca e d’innovazione”.

Lo stemma del Barcelona non è un marchio

Il famoso scudo del Fútbol Club Barcelona, stemma di una delle società calcistiche più note e antiche del mondo, non risponde ai requisiti per la registrabilità quale marchio di impresa. È quanto deciso, con sentenza del 10 dicembre 2015 (causa T-615/14), dal Tribunale UE, poiché il marchio non consentirebe ai consumatori di individuare l’origine commerciale dei prodotti e dei servizi oggetto della domanda di registrazione.
Questi i fatti da cui è originata la decisione in questione. Nell’aprile del 2013, la società calcistica aveva chiesto la registrazione dello stemma, al cui interno è contenuto il logo del Barcellona, caratterizzato dai colori blaugrana, dall’acronimo FCB, la bandiera della Catalogna e la croce di San Giorgio. Le classi per le quali si chiedeva la registrazione erano la 16 (comprendente stampe; fotografie; adesivi), la 25 (abbigliamento; scarpe; cappelleria) e la 41 (istruzione; formazione; divertimento; attività sportive e culturali).

La società catalana, quindi, non ha richiesto la registrazione dell’intero stemma (peraltro già oggetto di autonoma registrazione), ma dei contorni dello stesso.
L’UAMI, nel maggio del 2014, aveva già respinto la domanda, osservando che il segno figurativo non sarebbe, di per sé, idoneo a richiamare l’attenzione dei consumatori, non essendo immediatamente riconducibile all’origine commerciale dei prodotti e dei servizi. Avverso tale decisione, il Barcellona ha presentato ricorso al Tribunale dell’Unione europea, chiedendo nuovamente l’accoglimento del deposito del marchio.
Il Tribunale UE, con la decisione summenzionata, ha però confermato la decisione dell’UAMI, statuendo che il segno figurativo sarebbe percepito dai consumatori come una forma semplice e non come un marchio di impresa e non consentirebbe loro di distinguere i prodotti o i servizi del suo titolare da quelli delle altre imprese.
La decisione si spinge oltre, negando, in termini generali, che agli stemmi possa essere riconosciuto un carattere distintivo, atteso che “gli stemmi vengono utilizzati abitualmente in ambito commerciale a fini puramente decorativi, senza rivestire una funzione di marchio”.
Nel caso di specie, peraltro, l’elemento dello scudo non sarebbe predominante del marchio, al pari delle lettere F, C e B (iniziali del nome del club); della combinazione dei colori, che sono quelli della maglietta della squadra di calcio; delle bandiere catalana e della città di Barcellona.
Infine, la società calcistica non sarebbe riuscita a provare, nel corso del giudizio, il carattere distintivo che il simbolo rivestirebbe nel pubblico dei consumatori, così come richiesto dal Regolamento (CE) n. 207/2009 del Consiglio, del 26 febbraio 2009, sul marchio comunitario.