Il blog di E-Lex

Dall’AGCM chiarimento sull’applicazione della nuova disciplina alle operazioni di concentrazione

Pochi giorni fa l’AGCM ha reso un importante chiarimento riguardo al tempo in cui si perfeziona un’operazione di concentrazione ai fini dell’applicabilità della nuova disciplina sull’obbligo di comunicazione preventiva all’Autorità.

Come noto, a partire dal 1° gennaio 2013 le soglie di fatturato il cui superamento comporterà l’obbligo di comunicazione preventiva all’AGCM non saranno più alternative bensì cumulative.

Il mutamento della disciplina porta però con sé un dubbio: quale criterio si applica alle operazioni di concentrazione complesse che, avviate entro quest’anno attraverso una serie di negozi preparatori (lettere di intenti, contratti preliminari, etc..), si concludano solo nel 2013?

Per l’AGCM il momento oltre il quale non è più possibile fare tempestivamente la comunicazione preventiva all’Autorità, è quello in cui si produce l’effetto dell’acquisizione del controllo, momento che coincide con il contratto finale (closing) produttivo dell’effetto concentrativo.

Ne consegue che la disciplina sulle nuove soglie di fatturato si applicherà esclusivamente alle operazioni di concentrazione che, sebbene avviate entro quest’anno, siano destinate a concludersi nel 2013.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Novità normative e giurisprudenziali dal mondo del diritto delle tecnologie e dal nostro Studio