La Commissione e gli Stati Uniti si accordano sul Privacy Shield

La Commissione europea e il governo americano hanno raggiunto un’intesa sul Privacy Shield, l’accordo che dovrebbe sostituire i safe harbor agreement dopo la sentenza Schrems della Corte di Giustizia.
Il testo dell’accordo non è stato ancora licenziato, ma prevedrà maggiori garanzie per i cittadini comunitari, l’impegno da parte degli Stati Uniti di limiti chiari, garanzie e meccanismi di controllo nelle attività di sorveglianza per motivi di sicurezza nazionale e regole certe per le imprese.
Il comunicato stampa della Commissione europea è disponibile all’indirizzo http://europa.eu/rapid/press-release_IP-16-216_en.htm.

Guido Scorza membro della task force di Caio per l’Agenda Digitale

Lo scorso 21 ottobre, in occasione del Forum dell’Agenda Digitale promosso da Confindustria, Francesco Caio, commissario per l’attuazione dell’Agenda Digitale, ha nominato una task force composta da 12 esperti in materia di digitalizzazione ed e-government, tra i quali figura anche l’Avv. Prof. Guido Scorza.

Obiettivo dell’unità di missione è quello di accelerare il processo di concretizzazione dell’Agenda, per porre rimedio alla situazione di empasse attuale, caratterizzata da numerosi ritardi nell’adozione dei provvedimenti attuativi. In particolare, il team di Caio è a lavoro sui temi strategici per la digitalizzazione delle amministrazioni pubbliche quali l’identità digitale, la fatturazione elettronica, l’anagrafe unica e il fascicolo sanitario elettronico.

La realizzazione di tali obiettivi rappresenterebbe un tassello importante sul versante della semplificazione della P.A. dal quale deriverebbero importanti risparmi, utilizzabili per portare a compimento ulteriori punti dell’Agenda ancora irrealizzati.