Corso di aggiornamento: Il nuovo Regolamento generale sulla protezione dei dati personali

Lo Studio Legale e-Lex organizza quattro incontri di formazione e di aggiornamento sul nuovo Regolamento Generale in materia di protezione dei dati personali. Ogni incontro avrà la durata di quattro ore e sarà tenuto presso la sede dello studio, nel centro storico di Roma (zona Largo Argentina). Ai partecipanti sarà distribuito materiale informativo, contenente le maggiori novità legislative e giurisprudenziali in materia di privacy, oltre ad una raccolta di articoli curata dai soci dello studio. È prevista una sezione Q&A, per rispondere ai quesiti dei partecipanti. Il corso è gratuito per i soggetti rientranti nella categorie dei destinatari, fino ad esaurimento dei posti disponibili.

Destinatari

Data Protection Officer, Avvocati in-house, Responsabili HR e gestione del personale, Digital specialist, Responsabili marketing e social media, Sviluppatori software, Pubbliche amministrazioni.

Programma

Primo incontro

Introduzione al Regolamento

Ambito di applicazione soggettivo e oggettivo

Dati personali, dati sensibili, dati giudiziari, dati anonimi

Principi del Regolamento (Liceità, finalità, necessità, proporzionalità, pertinenza)

One Stop Shop

Titolare del trattamento, responsabile, data protection officer

Titolarità nei gruppi societari

Q&A

Secondo incontro

Informativa e consenso

Diritti dell’interessato

Diritto di accesso e riscontro all’interessato

Portabilità

Regole di accountability

Privacy by Design e Privacy by Default

Diritto all’oblio, rettificazione, cancellazione

Q&A

Terzo incontro

Particolari tipologie di trattamento (giornalisti, minori, ecc.)

Profilazione e Registro delle opposizioni

Big data e compliance normativa

Privacy impact assessments (PIA) e data audit

Misure di sicurezza

Mappatura dei flussi di dati

Risk management, data breach e obblighi del titolare

Q&A

Quarto incontro

Trasferimento di dati all’estero. Il Privacy Shield

Data retention e cloud computing

Codici di condotta e certificazioni

Le Autorità Garanti (nazionali ed europee)

Reclami, ricorsi e segnalazioni

Sanzioni

Risarcimento danni

Q&A

Docenti

Guido Scorza Partner dello studio e-Lex. Insegna presso le Università di Bologna e di Roma. Assiste compagnie di telecomunicazioni, startup, società editoriali.

Giovanni Maria Riccio Partner dello studio e-Lex. Professore di Diritto della comunicazione nell’Università di Salerno, assiste compagnie di telecomunicazioni, società radiofoniche e agenzie pubblicitarie.

Ernesto Belisario Partner dello studio e-Lex. Consulente di pubbliche amministrazioni, enti ospedalieri e startup. Esperto di archiviazione documentale, è consulente governativo.

Alessandro Di Gioia Partner dello studio e-Lex. Assiste società radiofoniche, agenzie pubblicitarie, incubatori e startup.

Maria Laura Salvati Senior associate dello studio e-Lex. Consulente di compagnie telefoniche e startup.

 

Date

10 novembre 2016 – 15-19

17 novembre 2016 – 15-19

24 novembre 2016 – 15-19

1 dicembre 2016 – 15-19

Nel corso di ogni giornata formativa è previsto un coffee & tea break e, al termine, un light aperitif.

Sede 

Studio legale e-Lex

Via dei Barbieri 6

00186 – Roma

Per maggiori informazioni: posta@e-lex.it

 

Le novità in tema di Data Protection Officer

Una delle maggiori novità del Regolamento privacy è rappresentata dall’introduzione della figura del data protection officer (o responsabile della protezione dei dati). Il DPO era già stato introdotto, come obbligatorio, in alcuni ordinamenti europei, tra cui la Germania, l’Austria e la Repubblica Ceca; in altri ordinamenti, come la Francia, la nomina di tale soggetto è facoltativa.

Il responsabile della protezione dei dati sembra presentare numerose analogie con il datenschutzbeauftragter introdotto nell’ordinamento tedesco nel 2003. Il diritto tedesco, al pari dell’originaria formulazione dell’art. 37 del Regolamento, àncora l’obbligo di nomina del DPO alla presenza di un numero minimo di dipendenti preposti a mansioni che implicano il trattamento di dati personali.

Un’ulteriore corrispondenza si rinviene nell’art. 38, par. 1 del Regolamento, stabilisce che il DPO sia “tempestivamente e adeguatamente coinvolto in tutte le questioni riguardanti la protezione dei dati personali”, nonché nel divieto di penalizzare il DPO per il suo ruolo, atteso il divieto, in capo al titolare del trattamento, di rimuoverlo o penalizzarlo “per l’adempimento dei propri compiti”. Il Regolamento segue la legge tedesca anche nell’assegnare al DPO il diritto di relazionare “direttamente al vertice gerarchico del titolare del trattamento o del responsabile del trattamento”, evitando rapporti diretti con altri soggetti.

A ben vedere, di là dalle singole disposizioni, sembra essere circolata l’idea di fondo del modello tedesco, basato su di un approccio di corporate self-monitoring (e di self-responsibility), nel quale le società si fanno carico dell’adeguamento e del controllo capillare sulla gestione dei dati personali. Un complesso uniforme di regole che si rimette alla self-governance delle imprese le quali, incentivate da un quadro sanzionatorio molto rigoroso, hanno interesse a rispettare la disciplina applicabile.

La nomina di un DPO è obbligatoria in tre casi:

  1. a) per le amministrazioni e gli organismi pubblici, con esclusione delle autorità giurisdizionali quando esercitano le loro funzioni;
  2. b) laddove le attività principali di titolare o responsabile consistano in trattamenti che, per la loro natura, il loro oggetto o, ancora, per le loro finalità, richiedono il monitoraggio regolare e sistematico degli interessati su larga scala;
  3. c) laddove le attività principali di titolare o responsabile consistano in trattamenti, su larga scala, di dati sensibili (inclusi i dati relativi allo stato di salute o alla vita sessuale), di dati genetici, di dati giudiziari e di dati biometrici.

L’obbligo è imposto, quindi, solo sulle grandi società o, per essere più precisi, sulle società che trattano una mole significativa di dati personali o di dati rientranti nel c.d. “nocciolo duro” della privacy.

L’art. 37 ammette poi che un gruppo imprenditoriale o più enti pubblici possano nominare un unico DPO, a condizione che sia facilmente raggiungibile da ciascuno stabilimento.

In caso di nomina del DPO – che, ai sensi del comma 6 dell’art. 37, può essere un dipendente o un soggetto esterno – è necessario che i suoi dati di contatto siano resi pubblici e comunicati al Garante nazionale.

La scelta se nominare un soggetto interno o esterno è rimessa al titolare del trattamento: chi scrive, tuttavia, è dell’avviso che, soprattutto gli enti pubblici e le medie e grandi imprese, dovrebbero preferire un soggetto esterno attesa la difficoltà di reperire, all’interno del proprio organigramma, professionisti dotati dei requisiti di esperienza e professionalità richiesti dalla normativa comunitaria.