La quarta rivoluzione industriale: tra opportunità e sfide

 

immagine articolo riutilizzabile

Il 15 giugno 2016, nell’ambito dell’indagine conoscitiva, Industria 4.0: quale modello applicare al tessuto industriale italiano, strumenti per favorire la digitalizzazione delle filiere industriali nazionali, presso la Commissione Attività produttive della Camera dei Deputati, si è tenuta l’audizione del Ministro dello Sviluppo Economico, Carlo Calenda.

L’inarrestabile progresso tecnologico, accompagnato dalla crescente connessione tra i calcolatori, l’utilizzo massivo di dati e informazioni, di tecnologie con sempre maggiori capacità di calcolo e di nuovi sistemi intelligenti digitalizzati e interconnessi (internet of things and machines), ci rende testimoni e partecipi di quella che è stata definita la quarta rivoluzione industriale. Non solo il settore manifatturiero, ma i più svariati settori di attività, dalla agricoltura all’energia, dal turismo alla moda, dalla sanità ai trasporti, saranno coinvolti dalla nuova Industria. Come si è avuto modo di evidenziare, non si tratterà di innovazione esclusivamente tecnologica, ma in un’ottica di più ampie vedute, verranno creati nuovi modelli organizzativi e di approccio ai mercati.

Il Ministro ha sottolineato infatti come, se da un lato la digitalizzazione dei processi produttivi globalmente intesi e in particolare di quello manifatturiero costituisca di certo una grande opportunità per la nostra industria, allo stesso tempo non può negarsi come davanti

a mutamenti cosi profondi, o si è protagonisti, oppure se ne viene travolti” ed è per tale ragione che parlare di Industria 4.0 “significa mettere a sistema amplificandole e integrandole, una serie di misure e linee politiche che questo Governo ha identificato come qualificanti: la promozione e il sostegno alle imprese che innovano, che si internazionalizzano, che trovano nella flessibilità e nella reattività la propria cifra produttiva.”

Numerosi appaiano i vantaggi connessi all’Industria 4.0:

l’analisi e l’elaborazione della grande quantità dei dati in possesso delle singole imprese (Big data) consentono infatti di assumere decisioni ponderate e migliori sulla produzione e sui consumi; la robotica e l’intelligenza artificiale consentono poi di ridurre, non solo i costi ed i tempi, ma anche gli errori a vantaggio della sicurezza e della produttività dell’azienda; la connettività spinta, l’internet of things, consente persino di anticipare i gusti dei clienti favorendo la produzione in scala; gli stessi social media è innegabile come consentano un nuovo modello di interazione con il consumatore definendo nuovi servizi (es. pay by use).

Il Ministro ha poi evidenziato come, attraverso “l’Internet delle cose e delle macchine” e lo sviluppo dell’Industria 4.0 “sarà possibile gestire reti globali che incorporano e integrano macchinari, sistemi di logistica e strutture produttive, sotto forma di Cyber Physical System for Production”.

Nell’ottica di aumentare sia la consapevolezza delle aziende che la digitalizzazione non è identificabile solo come modo per incrementare l’efficienza dei processi, ma che i dati potenzialmente a loro disposizione e che di rado vengono raccolti, organizzati ed elaborati per estrarne valore, costituiscono il vero vantaggio competitivo delle stesse; di consentire l’interoperabilità dei sistemi e dei linguaggi che governano l’industria 4.0 adottando regole comuni di livello internazionale per creare piattaforme di condivisione delle informazioni; di implementare la solidità e la diffusione di reti di interconnessione a banda ultra larga, reti satellitari e diffusione del 5 g, condizione questa imprescindibile per il successo della trasformazione di innovare le relazioni industriali, definendo anche un adeguato trattamento fiscale che porti le imprese a ricorrere sempre di più alle opportunità offerte dal salario di produttività e promuovendo lo skill empowerment dei lavoratori con riferimento alle discipline STEM (science, technology, engineering and math), il Governo, secondo quanto riportato nell’audizione dal Ministro Calenda, ha individuato un pacchetto di misure da inserire nella prossima Legge di stabilità, che verte essenzialmente su cinque punti di azione:
1 – Investimenti in Innovazione – per il Ministro, occorre promuovere gli investimenti innovativi in una logica solution driven, portando le aziende ad investire nell’analitica dei Big data e nelle informazioni che producono. Il gap di investimenti stimato e in circa 8 miliardi annui per i prossimi 5 anni. Sarà anche necessario favorire lo sviluppo di startup, l’accesso al venture capital e la collaborazione tra le nuove e le consolidate realtà imprenditoriali;
2 – Fattori abilitanti – obiettivo primario sarà potenziare le infrastrutture di connettività non solo a favore dei cittadini o consumatori, ma delle stesse imprese; bisognerà poi ridurre il digital divide delle PMI; e investire nelle competenze STEM (science, technology, engineering and math)
3 – Standard di interoperabilità, sicurezza e comunicazione IoT– il Ministro ha evidenziato come imprescindibile e vitale sarà partecipare e indirizzare le decisioni nei tavoli di confronto internazionale, alla luce di quello che è il contesto italiano, in un’ottica di adozione di standards che siano sì aperti, ma guidati da quelli che sono i bisogni industriali
4 – Rapporti di lavoro, salario e produttività – nell’ottica di una maggiore autonomia e responsabilizzazione del lavoratore andranno poi riviste le regole che concernano i rapporti di lavoro. Le stesse relazioni industriali dovranno essere decentrate così da dar risalto alle abilità e competenze del lavoratore (empowerment)
5 – Finanza di impresa – il Ministro, alla luce delle difficoltà del settore creditizio, ha evidenziato come sia preminente la necessita di costruire una finanza d’impresa che sia capace di sostenere lo sforzo di investimenti, canalizzando anche il risparmio nazionale verso gli impieghi nell’economia reale.
Da quanto riportato è evidente che il progresso anche tecnologico seppur presenti numerose sfide, porta con sé un’innegabile opportunità di sviluppo per la nostra realtà economica – industriale.
Come testimonia l’esperienza che lo Studio Legale E-lex ha acquisito negli anni, nell’ottica del Diritto delle Nuove Tecnologie, Industria 4.0 vuol dire anche, ed in particolare per le Imprese e le Pubbliche Amministrazioni, porre l’attenzione su tematiche legali concernenti la Privacy, la Proprietà industriale, la Proprietà intellettuale, materie di per sé dinamiche e che implicano necessariamente un costante aggiornamento da parte di tutti i soggetti che operano nella nuova realtà economica.

SMAU / Startup e diritto: cosa bisogna sapere?

Venerdì mattina alle ore 10, presso lo SMAU di Padova, il prof. Riccio terrà una relazione su “Startup e diritto: cosa bisogna sapere?”.

L’avvio di startup pone una serie di tematiche giuridiche che devono essere affrontate in modo adeguato per definire le scelte strategiche ed impostare le corrette metodologie operative e commerciali. (altro…)

E-Lex presenta il secondo “Report annuale sullo stato del diritto e della politica dell’innovazione in Italia”

Lo Studio legale E-Lex Scorza, Belisario, Riccio & Partners ha pubblicato, così come per il 2013, il report annuale sullo stato del diritto e della politica dell’innovazione in Italia.

Il documento racconta gli eventi principali registratisi nel corso del 2014, a livello legislativo e giurisprudenziale, nel mondo di internet, della privacy e della proprietà intellettuale.

Il Report è gratuitamente scaricabile, con link ai principali testi normativi e giurisprudenziali che hanno caratterizzato l’anno appena trascorso.

Scarica il report in formato EPUB.

Scarica il report in formato MOBI.

Qual è il costo del cybercrime per le aziende?

Le perdite dovute al cybercrime oscillano fra i 375 e i 575 miliardi di dollari.

Sono le cifre che emergono da un rapporto del Center for Strategic and International Studies (Csis) per conto di McAfee pubblicato nel giugno 2014, secondo il quale il cybercrime compromette commercio, competitività e innovazione. Rilevanti sono anche le implicazioni per l’occupazione: il rapporto ha infatti stimato in circa 200mila posti di lavoro persi negli Usa e 150mila nell’Ue.

La criminalità informatica può essere quindi considerata una vera e propria tassa sull’innovazione, che riduce il ritorno economico di innovatori ed investitori; inoltre, gli oneri economici più rilevanti non derivano soltanto dall’attività di attacco posta in essere dagli hacker, ma anche dalle spese che i soggetti attaccati sostengono per il recupero dei sistemi.

L’Italia è citata come esempio: nel nostro Paese le perdite dovute ad attacchi hacker sono state di 875 milioni di dollari, ma i costi di ripristino sono stati di 8 miliardi e mezzo di dollari.

Il report realizzato per conto di McAfee si pone quindi come il primo passo verso una comprensione migliore del costo reale della criminalità informatica e come base verso studi più approfonditi sulle conseguenze del crimine informatico sul ritmo dell’innovazione e sui costi sociali inerenti la criminalità informatica e la perdita di posti di lavoro.