Il blog di E-Lex

Tribunale di Milano: si devono pagare i diritti d’autore a Soundreef, non basta la Siae

Il tribunale ordinario di Milano, con un decreto ingiuntivo emesso il 19 luglio, ha ordinato a Showbees, l’organizzatore di un concerto di Fedez, di versare a Soundreef il compenso dovuto all’artista a titolo di compensi per diritto d’autore. L’organizzatore – che aveva ceduto alle richieste di Siae e aveva scelto di pagare solo quest’ultima – avrà ora 40 giorni per decidere se pagare Soundreef o opporsi al decreto ingiuntivo. Lo rende noto la stessa Soundreef. La decisione, seppure emessa in sede monitoria, costituisce, secondo Soundreef, «un importante precedente e contribuisce a far chiarezza: chi utilizza i diritti d’autore di un artista o di un editore è tenuto a pagare direttamente i titolari dei diritti o chi abbia ricevuto da questi ultimi il mandato alla gestione dei diritti e non può pagare sempre e comunque la Siae anche in relazione a diritti estranei al repertorio dei propri mandanti e associati». «Alcuni organizzatori di concerti non versano a Soundreef quanto dovuto perché sviati e confusi da pratiche commerciali della Siae che formano attualmente oggetto di un procedimento davanti all’Antitrust – commenta il legale di Soundreef, l’avvocato Guido Scorza -. Questa decisione, per quanto pronunciata in sede sommaria, potrebbe contribuire a chiarire ciò che dovrebbe essere ovvio: nessuno Siae, inclusa, può gestire diritti d’autore e incassare compensi in assenza di un mandato da parte del titolare dei diritti. La volontà di un autore deve essere sempre e comunque rispettata e non c’è questione di mercato, né esclusiva che possa travolgere questo principio elementare.

L’articolo continua qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Novità normative e giurisprudenziali dal mondo del diritto delle tecnologie e dal nostro Studio